Farina di Manitoba: cos'è e come si usa

La farina di Manitoba è uno degli ingredienti che viene spesso utilizzato per la realizzazione dei lievitati come pane, pasta e pizza. Vediamo cos'è e come si usa su Sapori e Ricette.

farina-manitoba.jpeg


Quando si parla di ricette per lievitati come pane e focacce, si sente spesso parlare della farina di manitoba. Ma di cosa si tratta esattamente?


La farina di Manitoba, chiamata anche farina americana, prende il nome da una vasta regione del Canada dove veniva originariamente prodotto un tipo di grano molto resistente alle basse temperature e di grande tempra.

Il suo soprannome "farina forte" è riferito alla grande quantità di glutine presente all'interno rispetto alle altre farine tradizionali e per il W (indice della capacità panificabile della farina) che è a 360-400 rispetto ad una normale farina che ha un W che si aggira attorno ai 200-220.


Queste caratteristiche permettono all'impasto realizzato con lievito madre di rimanere in lievitazione per diverse ore (dalle 12 alle 24), senza rischiare di sgonfiarsi o di perdere di tono.


Se mescolata insieme ad altre farine, è in grado di dare all'impasto una buona elasticità e forza. Preparate l'impasto la sera e cuocetelo la mattina seguente: il risultato sarà davvero ottimo.



Segui Sapori & Ricette su Faceboook.


LINK UTILI:


Farina 00 veleno: ecco perché


Alimenti biologici: come riconoscerli?


Hamburger artificiale: la nuova frontiera della gastronomia

Vota l'articolo:
3.91 su 5.00 basato su 11 voti.  

I VIDEO DEL CANALE DONNA DI BLOGO